Seguici su Facebook
famiglia calabrese

Da oltre 40 anni mettiamo in scena la tua vita.

 

Le storie delle aziende sono le storie di uomini che le fanno. E il protagonista di questa storia è Lando Calabrese che, seguendo una grande passione, fonda nel 1970 Mobili Calabrese. Un piccolo mobilificio che ben presto diventa il punto di riferimento dell’arredo di qualità su tutto il territorio. E’ un’Italia in crescita e in rapida trasformazione che, seguendo la moda e il nuovo design, coglie nelle novità proposte da Calabrese, tutto il meglio delle nuove tendenze. E’ lui che porta in provincia di Frosinone le soluzioni più belle del settore, i marchi più famosi, le proposte migliori.

 

“Il nostro scopo è quello di proporre al cliente qualcosa di nuovo e di originale. Per questo, ogni volta, cerchiamo soluzioni capaci di rappresentare al meglio il suo stile di vita”

 

E ben presto il piccolo Mobilificio Calabrese diventa un centro mobili importante, un appuntamento da non perdere per chi deve arredare casa, per chi cerca qualcosa di diverso e originale. Con uno Show Room di oltre 1000mq, Mobili Calabrese è oggi una bella realtà, merito dell’intuizione e dei sacrifici di Lando Calabrese e della moglie Eralda, abile e accogliente “padrona di casa”.
Siamo ormai ai giorni nostri, quando il piccolo mobilificio è diventato un’azienda solida e conosciuta, gestita ancora dal patron Lando, ma insieme ai suoi quattro figli, testimoni di una lunga tradizione di famiglia.
Una seconda generazione orientata sulla creazione di soluzioni ad hoc per le diverse esigenze della clientela, un serbatoio di idee per gli stili proposti, per le nuove forme di design, per la selezione dei migliori marchi del made in Italy. Gianna, Germano, Sabrina e Ivano, ognuno con un ruolo diverso, ma uniti dall’antica passione per la bellezza, sono la nuova linfa del Mobilificio Calabrese, diventato centro propulsore di eventi e meeting.
Un luogo in cui architetti, designer e creativi possono offrire le loro visioni dell’arredo contemporaneo come esperienze tra l’estetico e il sensoriale.

Share by: